ristrutturazione casa

Un edificio rurale sviluppato attorno a una corte e circondato dalla vegetazione tipica del paesaggio pedemontano incorpora l’abitazione e l’ufficio di un professionista francese, pur mantenendo ben separati gli ambiti lavorativi dagli spazi privati

Il progettista e il proprietario di questa casa sono la stessa persona: dopo trent’anni di lavoro nel sud della Francia, il designer David Price era alla ricerca di una nuova casa per la sua famiglia, in Provenza, che potesse integrare anche un ufficio separato dall’abitazione per sé e per i suoi collaboratori. Il secondo sito visitato, nella splendida zona ai piedi delle Alpilles (letteralmente “piccole Alpi”) si è rivelato idoneo a soddisfare le sue esigenze: una proprietà costruita negli anni ‘70 da un agricoltore locale come ricovero per le sue capre, cui era stato aggiunto un secondo corpo con funzione di piccola abitazione, con molto spazio attorno. Nel suo complesso, l’edificio si presentava con una forma a U, che dava origine a un cortile interno aperto verso sud, ma senza vista sul paesaggio montuoso circostante a causa della crescita incontrollata della vegetazione.

Il lungo restauro è iniziato dal lato est, in cui sono stati ricavati i nuovi uffici con parcheggio indipendente, aggiungendo portefinestre opposte al cortile per garantire la privacy della parte adibita a residenza. Successivamente si è passati all’ala ovest, in cui hanno trovato posto gli ambienti living; la restante parte della proprietà, costituita dal blocco tra l’ala est e l’ala ovest, e il piano posto sopra gli uffici, ospita una sala TV, una lavanderia, un locale deposito e quattro camere da letto e i bagni.

L’esterno si presenta intonacato, con porzioni evidenziate da rivestimenti in pietra; al corpo edilizio sono state aggiunte lunghe terrazze con struttura in acciaio e copertura di zinco, con soffitto interno in legno di cedro rosso, come pure la travatura a vista degli ambienti living, nei quali si è cercato di portare più luce possibile attraverso ampie vetrate, molte delle quali a tutta altezza. Le pareti sono tutte dipinte di bianco (nelle camere anche i soffitti), mentre i pavimenti sono in pietra, il parquet è utilizzato solo nella camera padronale.

Anche il giardino ha richiesto un lungo studio per decidere cosa mantenere, come l’uliveto oltre la grande piscina, e cosa andava trasformato inserendo specie mediterranee adatte alle condizioni climatiche del luogo, soggetto a sbalzi di temperature e venti a volte impetuosi. Per avere una tavolozza verde puntellata di fioriture in diversi periodi dell’anno sono state scelte piante come il pistacia lentiscus, il corbezzolo, il cisto, il ceanotus, l’erigeron, il mirto, nonché aromatiche quali salvia, rosmarino, timo intercalate da macchie di gaura.

In tutta la casa sono disseminate piccole collezioni di oggetti, tra cui una di cappelli e una di animali, e diverse opere d’arte; d’altra parte il paesaggio di questa zona ha ispirato grandi artisti del XIX secolo come Cézanne, Van Gogh e Gauguin.

Tre delle quattro camere da letto dispongono di bagno privato; c’è poi una camera per gli ospiti accanto alla sala TV e a un ulteriore bagno. Le tre camere da letto principali affacciano sul cortile interno e sono legate da un corridoio alle cui pareti sono esposti vari poster celebrativi del festival fotografico che si tiene annualmente ad Arles; le pareti delle camere sono invece decorate con poster vintage della corrida che si tiene ogni anno nella vicina Nîmes, durante la settimana di Pentecoste, e dipinti ad acquerello di un artista dello Zimbabwe.

Progetto
David Price – www.davidpricedesign.com
Fotografie
Hervé Hôte

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here