Ristrutturare il bagno: guida ai lavori da fare

ristrutturare il bagno

Sostituire le piastrelle, la vasca con la doccia o le luci: ecco i lavori più comuni quando si tratta di ristrutturare il bagno

Perché ristrutturare il bagno? Le cose sono cambiate negli ultimi anni, il bagno si è trasformato in una stanza della casa con una propria identità. Un luogo volto al benessere e al relax a cui gli italiani dedicano sempre più attenzione.

Che il bagno sia una delle stanze chiave della casa lo confermano anche i dati rilevati dal portale Habitissimo che nel 2019 ha registrato un aumento del 15% nelle richieste di preventivo relative a questa stanza della casa rispetto allo stesso periodo del 2018.

Un aumento che riguarda il processo di ristrutturazione integrale del bagno ma non solo, anche lavori minori come l’acquisto dei mobili di arredo bagno e la sostituzione della vasca con doccia.

La ristrutturazione del bagno aumenta il valore dell'abitazione

Sempre da una ricerca del portale Habitissimo,  si scopre che nel 2019 la zona bagno è stata la più ristrutturata dagli italiani. Tra gli interventi più richiesti la sostituzione della vasca con un box doccia, modifica che può aumentare il valore di un’abitazione del 5%. 

In questo settore, i sistemi prefiniti Wedi si presentano come soluzione innovativa perché sfruttano la duttilità del polistirene estruso per realizzare docce filo-pavimento su misura.
Robusti e leggeri, i pannelli Wedi possono essere facilmente sagomati, anche con un cutter, e mantengono la totale impermeabilità perfino se la superficie viene danneggiata.
Un'idea che facilita la vita agli installatori e libera la fantasia dei progettisti.

I pannelli Wedi sono facili da trasportare, anche in autonomia, a differenza della muratura non producono macerie e sono già pre-rasati. Così a poche ore dalla posa è già possibile piastrellarli.
Tutte le fasi più complesse di montaggio, inoltre, sono integrate in un impianto già pronto per la posa.
Scarico premontato e pendenza del piano preimpostata facilitano la vita agli idraulici e mettono al riparo il committente da ogni possibile errore.

Ma quali sono i lavori più comuni quando si tratta di ristrutturare il bagno e quanto costano?

1. Sostituire piastrelle

Nell’ambito di una ristrutturazione integrale, uno dei lavori più comuni è la sostituzione delle piastrelle, a parete e a pavimento. Questo lavoro il cui costo è di circa 1.500 euro per una bagno da 5mq  mq non va fatto solo per motivi estetici ma anche quando bisogna fare dei lavori sugli impianti per cui demolire è necessario, oppure quando le piastrelle non sono più aderenti alla superficie.

2. Cambiare i sanitari

La sostituzione dei sanitari può essere una voce consistente nel preventivo di una ristrutturazione di questo ambiente. Esistono prodotti di qualità elevata che hanno di conseguenza un costo alto, mentre prodotti di qualità intermedia hanno costi più accessibili. Una sostituzione completa dei sanitari ha un costo medio di 1.110 euro. 

3. Sostituire vasca con doccia

Una ristrutturazione generale è occasione per eliminare la vasca se viene poco utilizzata per far posto ad un più pratico piatto doccia. Questo consentirà di guadagnare spazio ed un senso di maggiore ampiezza. Il costo medio per questo lavoro è di 1.500 euro.

4. Installare termoarredo

Parola d’ordine: riscaldare arredando. Una delle tendenze 2020 è quella di utilizzare il riscaldamento per rendere questa stanza un luogo di design. Installare un termoarredo ha un costo di circa 150 euro. 

5. Cambiare l’illuminazione

Un’illuminazione poco efficiente è molto penalizzante per un ambiente come il bagno. Si può quindi pensare di sostituire l’illuminazione esistente con delle lampade a Led che assicurano una visione migliore e danno inoltre un senso di maggiore ampiezza dello spazio poiché la luce prodotta è più forte e le ombre si attenuano. Se le sorgenti luminose non sono sufficienti, far aggiungere un nuovo punto luce da un elettricista ha un costo di 60 euro. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome